Referendum, il Veneto non rinnegherà la propria storia ed il proprio passato.

metano

Fra le Regioni che hanno proposto il Referendum contro il gas nazionale ve ne è una, il Veneto, che più di tutte ha potuto svilupparsi e godere del progetto di metanizzazione voluto da Enrico Mattei e che è dvienuta anche per questo la “locomotiva d’Italia”. Il presidente della Regione non ha smentito il suo essere “leghista” e contro ogni logica di sviluppo industriale ha aderito alla provocazione voluta da Civatti contro il suo ex leader di partito, Matteo Renzi. Il Veneto prima della metanizzazione del territorio era una Regione caratterizzata da una fortissima emigrazione. Migliaia furono i Veneti, soprattutto Tevigiani e Bellunesi, che si trasferirono nelle Americhe, in Australia, in Sud Africa alla ricerca di una vita migliore. Le terre paludose della Marca e montuose del Bellunese erano terre di disoccupazione, di carestie. Al pari, se non di più, di molte regioni meridionali il lavoro era prevalentemente agricolo. Con una agricoltura difficile e piegata dalla mezzadria che rendeva gli abitanti asserviti a pochi latifondisti. L’avvento della rete metanifera voluta da Enrico Mattei trasformò il territorio portando benessere ed industrializzazione. Il resto lo fece il grande spirito imprenditoriale di questo popolo. Oggi si vorrebbe far credere che i Veneti hanno rinnegato l’essere la locomotiva d’Italia rinnegando la propria vicenda storica ed industriale. Ma non di molti anni fa i contributi pubblici alla “metanizzazione” della Regione anche per i privati con lo stanziamento di 650 milioni per contributi ai privati. Qui il link dell’archivio AGI. Quindi se da un lato l’attuale quadro dirigente della Regione si esprime a favore di un demonizzazione della risorsa gas, dall’altro il territorio continua a “godere” di politiche che ne hanno consentito lo sviluppo e la modernizzazione. Memoria corta che alla bisogna detta la lotta politica. Che non ha nulla a che vedere con l’ambiente. Solo incosiente e strumentale lotta politica.

Precedente Confimi Romagna contro il referendum: inutile e dannoso. Successivo Enrico Mattei, l’italiano più potente dopo Giulio Cesare, l’uomo che proiettò l’Italia nell’ Era Industriale.